SIMONE NARDINI

Un altro Teatro

REGIA

Il regista è come un pittore, decide il soggetto da sviluppare, decide la tecnica e i colori.
Saranno poi i colori stessi fondendosi, a donare là dove si incontrano, quelle sfumature in grado di evocare le emozioni.
Attraverso la messa in scena esterno i miei pensieri, le riflessioni, le passioni, le emozioni e cerco di comunicare con il pubblico per intessere un dialogo “virtuale” sull’argomentazione trattata.

COSTUMI

I costumi sono e devono essere elemento drammaturgico e non solo decorativo o puramente funzionale. La parte della ricerca iconografica è un momento di studio vero e proprio che riserva sempre grandi sorprese: un abito non è solo un vestito, ma racconta l’epoca a cui appartiene. Il linguaggio dei colori è fondamentale per portare avanti il discorso drammaturgico e mi diverto molto a giocare a livello cromatico con l’eleganza del bianco e nero spesso da me utilizzata e reinventata in base al messaggio che voglio trasmettetre attraverso lo spettacolo

FORMAZIONE

L’esperimento di una scuola di musical nasce nel 1988 dove da allievo proposi e collaborai alla realizzazione del primo corso di musical in Italia presso la scuola di teatro da me frequentata all’epoca a Milano.
I tempi non erano maturi ma un decennio dopo ha avuto inizio questa grande avventura chiamata MTS Musical The School!
Formare giovani artisti significa donare loro le proprie esperienze lasciandoli liberi di crescere nelle loro individualità: ogni singolo studente è un artista e deve apprendere come crescere al meglio per esprimersi al meglio.